La danza contro la paura

A causa di  questo terribile virus, le scuole di danza stanno attraversando una crisi.

Le scuole di balletto hanno iniziato, con il tempo, ad adottare misure di sicurezza sempre più rigorose:

  • danzare a 2 metri di distanza
  • indossare mascherine
  • ed infine usare le videolezioni come metodo

La situazione generale è questa ma, i pensieri degli allievi sono molto diversi e, per comprenderli, dobbiamo chiedere a  loro:

” E’ orribile ballare a distanza”, afferma una di loro,

“Non possiamo più resistere”, esclama un altro.

Come si può facilmente comprendere la situazione è critica.

Alcune scuole sono addirittura arrivate al punto di fare gli spettacoli a distanza.

Una studentessa della scuola di danza “Scarpette rosa” di Bari ci racconta in che modo farà il saggio di fine anno:

“Tra pochi giorni ci sarà lo spettacolo di fine anno. Lo faremo a distanza.” , esclama.

“Le maestre ci hanno insegnato come costruirci un vestito per il saggio: dobbiamo tagliare, cucire, fare fiocchi…ma…fare un saggio a distanza non è sicuramente divertente come fare un saggio in presenza! La nostra scuola ha affrontato questa emergenza sanitaria con coraggio e, per questo, stimo molto le mie maestre perché, con loro, abbiamo potuto “costruire” una nuova esperienza: la “danza a distanza”. In questo anno particolare, io e le mie compagne, oltre a nuovi passi, abbiamo imparato ad affrontare la paura insieme, anche se a distanza: le maestre ci hanno insegnato che, ballare con passione allontana tutte le paure, infatti, per la prima volta, siamo riuscite ad inserire un’improvvisazione nello spettacolo di fine anno. Devo ringraziare le mie insegnanti dal profondo del cuore.”

 

Certamente la situazione non è molto favorevole ma tutti ci stiamo impegnando per uscirne.

Con questo articolo, caro lettore, voglio farti capire le difficoltà che sta causando il coronavirus (i cambiamenti della scuola di balletto e non solo) e incoraggiare tutti i ballerini  che stanno affrontando la mia stessa situazione: ne usciremo insieme con un pizzico di speranza e una manciata di fortuna!

Giulia  Romano.

Lascia un commento