Il Fantastico Mondo dei Coralli

I coralli sono un coloratissimo ornamento del mare dalle sembianze di rocce o piante. In realtà sono animali con caratteristiche uniche e segreti da svelare. Hanno forme particolari, tinte molto accese e sono la casa di pesci coloratissimi. Inoltre, è difficile immaginarlo, ma…sono lontani cugini delle meduse! I due “cugini” sono molto diversi tra loro perché:

  • le meduse sono trasparenti, hanno una struttura a ombrello, sono costituite soprattutto di acqua e si muovono grazie a tentacoli;
  • i coralli, molto più colorati, sono dei polipi (organismi unicellulari che non bisogna confondere con l’Octopus vulgaris, il polpo che troviamo sulle nostre tavole), riuniti in colonie sostenute da uno scheletro di carbonato di calcio, che conferisce loro un aspetto roccioso.

In realtà anche i coralli, nella loro forma base, dovrebbero essere trasparenti, ma al loro interno ci sono delle alghe che attraverso la fotosintesi conferiscono ai coralli i nutrienti e il caratteristico colore.

Coralli.
Foto di Pexels da Pixabay

Oltre ai loro meravigliosi colori, bisogna dire che i coralli costituiscono solo lo 0,2% dei fondali di tutto il mondo, ma ospitano più del 25% delle specie marine! Inoltre offrono oltre a una “casa” o un rifugio, un nutrimento per i pesci, che si cibano di pezzi di corallo.

Purtroppo, noi uomini li stiamo mettendo in pericolo…un’assurdità! Come molte altre creature marine, anche i coralli stanno soffrendo per l’inquinamento e per l’innalzamento delle temperature marine. Se la temperatura aumenta, le alghe che vivono in simbiosi con i coralli li abbandonano, togliendo loro il nutrimento e il colore, causandone la morte.

Inoltre le microplastiche che sono presenti in tutti i mari vengono scambiate dai coralli per plancton e quindi vengono ingerite sostanze altamente tossiche. Una buona notizia: gli studiosi dell’Università di Melbourne hanno trovato il modo per rendere le alghe ospitate dai coralli più resistenti agli sbalzi termici.

                                                                                                                                               Luca Lerario

 

Lascia un commento