La storia incantata della città di Matera

La città ha una storia lunga:

la città di Matera, considerata da molti la città più antica del mondo, nasce dal bisogno dei primitivi, nel neolitico, di avere delle case dato che le grotte, ubicate in un’area rupestre, non erano più sufficienti ad ospitarli.

La città attraversa poi una grande povertà nel dopo guerra che costrinse i Materani a mangiare solo pane per sconfiggere la fame; erano così poveri che i bambini piccoli dormivano nei cassetti e quelli più grandi per terra mentre i genitori dormivano nell’unico letto matrimoniale.

La preparazione del pane iniziava così:

Dalla frutta o dallo sterco si estraeva il lievito madre, si rivoltava il pane, si faceva il taglio del segno della croce  e si faceva lievitare nella parte maschile del letto matrimoniale. Per evitare di confondere il proprio pane con quello degli altri, si metteva su ogni pezzo di pane portato al forno il timbro di famiglia realizzato in legno.

Queste interessanti notizie sul pane le abbiamo ascoltate durante un laboratorio di panificazione all’interno di un antico forno materano.

Nel pomeriggio abbiamo seguito un percorso all’interno dei Sassi che ci ha portato a visitare tanti luoghi interessanti come case grotte collegate internamente con delle cisterne per la raccolta delle acque, “chiese rupestri” e siamo saliti su uno sperone di roccia, vicino ad una chiesa rupestre, dove abbiamo giocato con l’eco.

Nel nostro giro per Matera abbiamo anche conosciuto un artista di strada che ci ha fatto ascoltare il suono meraviglioso di un disco armonico e ci ha fatto provare lo strumento. Che emozione!!!

Lo strumento è di forma ottagonale e molte semi sfere di metallo; si suona con dei movimenti secchi e veloci delle dita e delle mani.

Negli ultimi anni la città si è riscattata, ed è anche stata nominata “Capitale della Cultura 2019” e brulica di artisti, mostre e turisti attratti da tanta bellezza. In questo periodo è possibile visionare una mostra di opere del famoso artista Salvador Dalì, poste in vari punti della zona dei “Sassi”.

 

Peccato che Matera non sia raggiungibile facilmente in treno o in aereo (non ha un aeroporto) e che la strada di collegamento principale è molto sconnessa e i lavori per il suo completamento non siano ancora completati.

Io e la mia famiglia abbiamo visitato Matera ben due volte negli ultimi mesi e vi possiamo assicurare che è bellissima!

Spero che anche voi possiate visitarla visto che è come ammirare dall’alto tutte le cose appartenute al passato.

Christopher Palmieri

Lascia un commento