Le lingue straniere possono cambiarci la vita: ecco come!

Si legge sui giornali:

Scoperto il modo di clonare le persone: già clonato Andrea De Paolis.

Andrea De Paolis è un ragazzino delle medie come noi che, nel 2090, si è sottoposto ad un esperimento di clonazione. L’esperimento serve a verificare se il futuro di Andrea sarà o meno diverso a seconda del suo comportamento a scuola. Per questo frequenta una scuola apposita.

Andrea1 è attento e molto interessato alle lezioni di inglese, spagnolo e francese mentre Andrea2 non lo è.

Le prime radicali differenze nel loro futuro si vedono quando cercano lavoro. I datori di lavoro, infatti, tra una persona che ha studiato lingue ed una che non le parla, scelgono il primo poiché è più colto e perché può viaggiare all’estero. Per questo ad Andrea1 offrono lavori più pagati e più soddisfacenti.

Ma questa è soltanto una delle tante differenze. Andrea1 può viaggiare liberamente senza essere ostacolato dalle lingue e, nelle Filippine, ha conosciuto il suo migliore amico. Inoltre ha deciso di passare un’estate in Africa per costruire una scuola ed ha insegnato a tanti piccoli bimbi sfortunati l’inglese: questa esperienza l’ha reso una persona buona. Infine, durante una conferenza in Nuova Zelanda, ha conosciuto la sua futura moglie.

Andrea2 ha difficoltà a trovare lavoro e si accontenta di un lavoro che non lo appassiona. Questo lo rende molto triste e nervoso. Inoltre, ha perso la voglia di viaggiare e la sua mente non è aperta agli altri: ha perso tante possibilità di conoscere il mondo e cose e persone meravigliose!

Foto di Andrea Piacquadio da Pexels

 

Claudio Geronimo Scardigno.

Lascia un commento