Once Upon A Time: terza stagione

Il gruppo formato da Emma (figlia di Biancaneve, nonché Salvatrice), Mary Margaret (Biancaneve), David (principe azzurro), Regina (la regina cattiva redenta), Gold (Tremotino signore oscuro, nonché Bestia) ed Uncino (direi che si capisce) approda sull’Isola che non c’è, comandata dal malevolo Peter Pan e dai suoi tirapiedi, i Bimbi Sperduti.

Greg e Tamara (i rapitori di Henry nemici della magia) conducono Henry (figlio di Emma e del figlio di Tremotino) dai Bimbi Sperduti, che Greg e Tamara credevano una società segreta, ma quando capiscono di essere stati raggirati i bimbi sperduti li uccidono.

Emma ed Uncino s’invaghiscono l’uno dell’altra, e si viene a scoprire della parentela che sussiste tra Gold e Peter Pan: il primo è figlio di Pan, che rinunciò alle sue responsabilità di adulto abbandonando Gold per essere eternamente giovane e regnare sull’Isola che non c’è. Ma ormai il suo tempo sta scadendo e per  mantenere la sua magia e diventare immortale necessita del cuore del Vero Credente: Henry, nato dalla Luce (Emma ovvero la figlia di Biancaneve)  e dalla Oscurità (infatti lui è il nipote di Gold, ovvero il signore oscuro).

poi…

Gli eroi, con l’appoggio di Neal (figlio di Gold e padre di Henry) tornato da loro, Trilli, una fatina comune, Ariel e la mediazione di Belle da Storybrooke, sventano i  piani di Peter di impossessarsi del cuore di Henry e lo rinchiudono nel Vaso di Pandora.

non è ancora finita

Purtroppo, Peter ha scambiato  la sua anima con quella di Henry, così, una volta a Storybrooke, imposta la creazione di un nuovo Sortilegio Oscuro con cui progettare un’altra Isola che non c’è.

soluzione

Fortunatamente il sacrificio di Gold elimina il padre, ma Regina si vede obbligata ad annullare gli effetti del Sortilegio Oscuro originale per invertire l’avanzata della maledizione di Pan, quindi Storybrooke svanisce e gli abitanti ritornano nella Foresta Incantata, tranne Emma e Henry, a cui Regina conferisce dei falsi ricordi di una vita passata insieme senza aver mai conosciuto nessuno di loro.

un anno dopo

Un anno dopo, Uncino bussa alla porta di Emma ed Henry e le fa bere un infuso della memoria per farle ricordare il suo passato; Uncino porta Emma e Henry (ancora privo di memoria), a Storybrooke, rigenerata da un Sortilegio Oscuro che ha tolto i ricordi dell’ultimo anno.

i problemi non finiscono mai

Biancaneve, infatti, è incinta e gli eroi scoprono che  proprio  Biancaneve e James (David) hanno lanciato la maledizione per rientrare a Storybrooke e far sì che Emma sconfigga una nuova minaccia: Zelena, la Strega dell’Ovest.

tante, ma tante scoperte

Zelena si rivela essere  la sorellastra di Regina, che Cora (madre di Regina e Regina di Cuori) diede via  per avere una figlia che sposasse un principe. Perciò Zelena vuole vendicarsi viaggiando nel tempo e proibire a Cora di abbandonarla; per fare in modo che non venga sulla Terra, la strega contamina il sortilegio oscuro con una pozione.

Once Upon A Time.
Fonte: FantasyNow.it

Zelena, tiene sotto scacco Gold, che Belle e Neal  hanno resuscitato, la cui anima però fu scambiata per la resurrezione del padre, che assorbì il figlio dentro di sè in un disperato atto per salvarlo.

ancora…

Tuttavia, Emma separa Neal da Gold per volontà del ragazzo, che  muore da eroe.  Zelena prepara gli ingredienti per l’Incantesimo Temporale, ma Regina la ferma e spezza il Sortilegio Oscuro dando a Henry il Bacio del Vero Amore che gli ridà la memoria.

A storybrooke

In suo onore, Mary Margaret e David chiamano il loro figlio Neal, mentre Gold,  dopo essersi sposato, uccide Zelena per glorificare il figlio, ma la sua morte innesca il portale del tempo, che trascina  Emma ed Uncino nel passato. I due rimediano ai propri errori del passato nella Foresta Incantata e ritornano a Storybrooke con  una prigioniera della Regina Cattiva, che si scoprirà essere la moglie di Robin Hood, col quale Regina aveva intrapreso una relazione seria. Inoltre, dal passato, Emma e Uncino hanno  trasportato anche un vaso da cui esce un personaggio unico: Elsa di Arendelle.

Christopher Palmieri

Lascia un commento